Una città Cinese ha vietato ai cani di passeggiare di giorno

0
81
8 misteri irrisolti che ti impediranno di dormire

I proprietari di cani a Wenshan non saranno più in grado di portare a spasso i loro animali tra le 7:00 e le 22:00 in un nuovo giro di vite.  Martedì 06 novembre 2018, Wenshan ha vietato di passeggiare con il cane nelle ore diurne. Una città cinese ha vietato ai proprietari di animali domestici di portare a passeggio i loro cani nelle ore diurne.

I proprietari di animali domestici a Wenshan non saranno più in grado di portare i loro cani a passeggio tra le 7:00 e le 22:00, e non possono portarli nei parchi, nei centri commerciali, negli impianti sportivi e in altri spazi pubblici. Questa ordinanza a quanto pare è già presente in diverse città in cina.

Molte province cinesi hanno regole severe sulla proprietà dei cani, a causa della convinzione del fondatore della Cina comunista Mao Zedong, secondo cui si tratta di una proprietà “borghese”. A Pechino, i cani di grossa taglia sono vietati nel centro della città, e in tutto il paese i parchi cinofili sono una rarità, con animali che spesso devono stare al guinzaglio.

Insomma, sembra proprio che in Cina sia una tortura avere animali domestici, contanto – anche – il tipo di cibo che, spesso, i Cinesi si trovano nel loro piatto. Non è infatti difficile trovare “food vendor” vendere cani o gatti come cibo per strada. Una barbarità ai nostri occhi, ma come vivono i Cinesi questo comportamento per loro “comune”? A quanto pare, la stranezza è solo ai nostri occhi occidentali, ma per niente strano per il popolo cinese.

Ci sarà un apertura verso questi animali?

A quanto pare, il governo cinese non sembra intenzionato a voler fare passi indietro in alcun modo, anzi. Non ci sono aperture verso i proprietari di animali, anzi, il governo sembra intenzionato ad estendere questa ordinanza il più possibile, per rendere ancora più restrittivo il possesso di animali. Al momento non abbiamo altre indiscrezioni a riguardo, ma speriamo che, presto, le cose cambino per i proprietari di questi animali, costretti a tenere i propri compagni in casa tutto il giorno.

Tu cosa ne pensi? Pensi che il decreto dettato dal governo cinese abbia senso o sia una tortura insensata verso gli animali? Noi pensiamo che lo sia, pertanto, speriamo che le cose possano in qualche modo cambiare in Cina. Rimani aggiornato sulle notizie curiose dal mondo con Scoprire, il tuo portale alle notizie online, in Italia e nel mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome