Sì, la birra è in pericolo a causa del cambio climatico

0
81
Perchè esiste e cos'è l'intolleranza Islamica

Così come la farina è la base del pane, il malto è la base della birra e in particolare l’orzo è il cereale che meglio si presta a produrre la bevanda alcolica più consumata al mondo, con circa 180.000 milioni di litri all’anno. Cifre che presto saranno impossibili da fornire perché questo cereale è molto sensibile ai drastici cambiamenti di temperatura e le previsioni prevedono una prospettiva devastante per gli amanti della birra dato che senza orzo, non c’è birra.

Una nuova ricerca scientifica pubblicata sulla rivista Nature Plants avverte che l’offerta globale di questa bevanda subirà un drastico calo del volume di produzione e consumo entro la metà del secolo.

Mai prima d’ora la vulnerabilità della fornitura di birra è stata valutata così accuratamente in caso di aumento di siccità e ondate di calore, come dimostrano i cinque scenari climatici futuri. Il team internazionale guidato da Wei Xie, dell’Università di Pechino, conclude che gli effetti del cambiamento climatico causerà una carenza senza precedenti di orzo che influenzerà direttamente l’offerta globale di birra che utilizza il 17% della produzione mondiale di questo cereale.

“Troviamo che queste condizioni estreme possono causare sostanziali diminuzioni delle rese di orzo in tutto il mondo. Le perdite di performance variano dal 3% al 17% a seconda della gravità delle condizioni”, dicono le conclusioni dello studio.

Siccità e ondate di calore faranno salire i prezzi

In breve, i produttori di birra artigianale e industriale vedranno quanto sia più costoso produrre la birra alle stesse condizioni di oggi. Questo farà aumentare il prezzo in Irlanda del 193% e il consumo in Argentina del 32%.

Gli autori utilizzano tutti questi dati per prevedere che la maggior parte dei paesi produttori di birra dovrà decidere se dare priorità all’orzo per l’alimentazione del bestiame o all’orzo per la produzione di birra. Regioni come la Germania, il Belgio o la Repubblica ceca avranno serie difficoltà a reperire gli approvvigionamenti, poiché le scorte di cereali possono diminuire fino al 50%. D’altra parte, altre regioni, come l’Australia, diventeranno la chiave per raggiungere il numero minimo di produzione.

Ovviamente, gli scienziati hanno sottolineato che non è la conseguenza più preoccupante del cambiamento climatico in un futuro non troppo lontano, ma qualcosa di preoccupante per chi non può passare una giornata senza bere una birra. Gli scienziati hanno voluto sottolineare che cambiamenti climatici radicali possono minacciare tanti aspetti e prodotti ma anche la disponibilità e l’accesso economico alla birra.

Rimani su scoprire per trovare le notizie curiose dal mondo in ogni momento ed ogni giorno, in italiano ed esclusiva per te.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome