Quando è apparso il mitico personaggio di Mario?

0
246
La ricetta originale della cheesecake

Mario è probabilmente il personaggio più famoso nel mondo dei videogiochi. Quando Super Mario Bros è arrivato sugli scaffali dei negozi, i videogiochi si trovavano in una situazione alquanto disperata. I ricavi sono diminuiti di quasi il 97%, da 3,2 miliardi di dollari nel 1983 a soli 100 milioni di dollari nel 1985.

Atari, che era stata la società in più rapida crescita nella storia degli Stati Uniti, aveva presentato istanza di fallimento. Lo scenario era scoraggiante. Tuttavia, il 13 settembre 1985, tutto sarebbe cambiato. Era il giorno in cui è stato rilasciato il videogioco “Super Mario Bros”, che in realtà era il secondo dei giochi Nintendo con Mario.

Il gioco catturò l’interesse di tutti e NES di Nintendo divenne una console incredibilmente popolare (e venduta). La cosa curiosa è che più di 30 anni dopo, il gioco è ancora uno dei titoli più eccezionali e più venduti di tutti i tempi.

Qual è la storia del mitico idraulico italiano? Mario è stato creato da Shigeru Miyamoto-san, un titano dell’industria dei videogiochi. Si unì a Nintendo proprio mentre l’approccio alla creazione stava cambiando nel 1977 e contribuì a creare alcuni dei giochi più acclamati dalla critica di tutti i tempi. È entrato nell’industria dei videogiochi per il suo amore per i manga.

Si tratta di uno dei personaggi più amati nella storia dei videogiochi

Lo scopo dello sviluppo di Mario era quello di creare un gioco di successo per Nintendo dopo il fallimento di giochi precedenti come Sheriff. La maggior parte delle caratteristiche di Mario sono state progettate per semplificare l’animazione con il minor numero possibile di pixel. Per questo motivo indossa un berretto che nasconde i capelli, evitando così il problema dell’animazione necessaria per il movimento dei capelli. Allo stesso modo, i baffi nascondono il viso, eliminando la necessità di animare la bocca separatamente. Anche i suoi vestiti (in origine una camicia blu e una scimmia rossa) hanno lo stesso scopo.

Questo personaggio è stato inizialmente chiamato Mr. Secondo Miyamoto-san stesso, Mr. Video si sarebbe perso nell’oblio se non avesse cambiato nome in Mario. Questo nome sarebbe stato adottato da Mario Segale, il proprietario del magazzino da cui Nintendo operava negli Stati Uniti. Curiosamente, Mario non è stato progettato per rappresentare un uomo italiano, ma i suoi baffi hanno segnato l’associazione con quella nazionalità.

Mario avrebbe dovuto essere usato da Miyamoto-san in ogni gioco creato da allora in poi, e diversi team di design hanno aggiunto le proprie modifiche al personaggio centrale. Mario è cresciuto in 3D quando la grafica lo ha permesso e le sue caratteristiche hanno ricevuto maggiori dettagli. Gli hanno dato gli occhi blu e i colori della sua scimmia sono stati invertiti, per esempio. Rimanete su Scoprire, per trovare le notizie curiose dal mondo ogni giorno, solo per te, qua o su Facebook.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome