Nuovi batteri trovati nell’intestino umano

0
220
I giochi che dovresti scaricare per il tuo telefono

Circa cento miliardi di microrganismi ospitati nel nostro intestino costituiscono il cosiddetto microbioma umano, coinvolto in una serie di funzioni di base, come la digestione e il rafforzamento del sistema immunitario. La nostra salute e la qualità della vita dipendono dall’equilibrio di questo ecosistema.

Ecco perché la scienza si avvicina a malattie di ogni tipo dalla conoscenza delle nostre budella. In questo senso, gli scienziati del Wellcome Sanger Institute e dell’European Institute of Bioinformatics (Regno Unito), e dell’Hudson Institute of Medical Research (Australia), hanno appena pubblicato su Nature Biotechnology la scoperta di oltre cento nuovi batteri presenti nel nostro microbioma.

Questi ricercatori hanno raccolto la più completa collezione di batteri dell’intestino umano, che aiuterà i loro colleghi di tutto il mondo a comprendere i meccanismi che rendono la nostra cura microbatterica per la nostra salute e il ruolo che i batteri svolgono nelle malattie.

La nuova risorsa consentirà agli scienziati di individuare quali batteri sono presenti nell’intestino in modo più accurato e rapido che mai. Ciò costituirà anche la base per lo sviluppo di nuovi metodi di trattamento di varie malattie, come i disturbi gastrointestinali, le infezioni e le disfunzioni del sistema immunitario.

Ricercatori britannici e australiani hanno trovato e isolato più di 100 specie di batteri dal microbioma intestinale

Circa il 2% del peso corporeo di un essere umano è dovuto a batteri e il microbioma intestinale è un territorio che raccoglie un’importante popolazione batterica e un contributo essenziale alla salute umana. Gli squilibri nel microbioma intestinale possono contribuire a patologie e condizioni complesse come le malattie infiammatorie intestinali, le allergie alla sindrome dell’intestino irritabile e l’obesità.

Il problema è che molte specie di batteri intestinali sono estremamente difficili da coltivare in laboratorio, quindi c’è una grande lacuna nelle conoscenze che abbiamo su di loro. Gli autori di questa ricerca hanno studiato campioni fecali di 20 individui nel Regno Unito e in Canada, dai quali è stato coltivato e sequenziato il DNA di 737 singoli ceppi batterici.

L’analisi ha rivelato 273 specie batteriche distinte, di cui 173 che non erano mai state sequenziate in precedenza. Di queste, 105 specie non erano mai state isolate.

Secondo Samuel Forster, del Wellcome Sanger Institute e dell’Hudson Medical Research Institute of Australia, e autore principale dell’articolo, “questo studio ha portato alla creazione del più grande e completo database pubblico di batteri intestinali associati alla salute umana. Il microbioma intestinale svolge un ruolo importante per la salute e la malattia. Questa importante risorsa cambierà radicalmente il modo in cui i ricercatori studiano il microbioma.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome