Le teorie sulle cospirazioni più celebri al mondo

0
86
Scoprono per caso un farmaco contro la calvizie

Le più grandi teorie cospirative della storia che ancora ci fanno pensare nel 2018.  Le teorie cospirative sono come storie di fantasmi per adulti. La parte logica del nostro cervello sa che non c’è verità su di loro. Voglio dire.. Naturalmente l’11 settembre non è stato orchestrato segretamente dal governo degli Stati Uniti, Neil Armstrong è davvero andato sulla superficie lunare nel 1969, e Bill Clinton non è in realtà un rettile parlante con una maschera umana in lattice molto ben costruita.

Ma proprio come quelle storie di fantasmi che ci siamo raccontate tra noi da bambini intorno ai falò, le teorie del complotto sono divertenti perché, beh, amiamo le cose strane. Con questo in mente, ecco 3 delle cospirazioni più amate al mondo, che tutti noi sappiamo (quando siamo razionali) sono completamente false.

1. I rettili controllano il governo

Tutto è iniziato con il teorico della cospirazione David Icke, che ha avuto l’idea che una razza di rettili super intelligenti, chiamata “Annunaki”, ha ricoperto la maggior parte delle posizioni di potere politico per secoli. Tutti, dalla regina Elisabetta a George W. Bush a Henry Kissinger sono stati accusati di essere segretamente un rettile (presumibilmente con maschere umane molto realistiche). E la gente ci crede! Secondo un sondaggio di Public Policy Polling, circa 12 milioni di americani sono seriamente convinti che i nostri leader sono davvero lucertole sotto mentite spoglie.

2. L’atterraggio sulla luna non è mai avvenuto.

Ciò che è affascinante è che quando la NASA ha sbarcato per la prima volta tre astronauti con successo sulla Luna nel 1969, quando una cosa del genere sembrava ancora fantascienza, nessuno ne dubitava. Ma oggi, nonostante quanto sia arrivata la tecnologia – e pochi giorni dopo che una sonda della NASA ha fotografato un oggetto a più di 6 miliardi di chilometri dalla terra, più lontano di Plutone – c’è una marea crescente di miscredenti che sono certi che il nostro governo ci ha mentito e l’atterraggio sulla luna di Apollo è stato effettivamente messo in scena, forse persino filmato in uno studio audio di Hollywood. Per quanto divertente sia immaginare una cospirazione così riuscita della nostra agenzia spaziale, ci dispiace dire che gli esseri umani hanno effettivamente raggiunto la luna.

3. JFK non è stato assassinato da un pistolero solitario

Il resoconto ufficiale è che Lee Harvey Oswald fu l’unico assassino responsabile dell’uccisione del presidente John F. Kennedy nel novembre del 1963. Entro il 2018, nessuna morte nella storia è stata esaminata più a fondo da ogni punto di vista immaginabile dell’assassino del JFK. Ma, nonostante i risultati della Commissione Warren – e decine di altre indagini forensi – gli americani continuano a pensare il contrario. Secondo un sondaggio Gallup sul 50° anniversario di quel fatidico giorno, oltre il 60% degli americani ritiene che siano state coinvolte altre persone. Forse la CIA, forse Fidel Castro, forse anche gli alieni. Ma non cerchiamo di convincervi che Oswald ha agito da solo. Considerate questi pensieri dell’ex assistente di Lyndon Johnson e capo honcho Jack Valenti, che viaggiava nel corteo automobilistico di JFK a Dallas il giorno dell’assassinio, e che ha parlato con Vanity Fair: “Lee Harvey Oswald era l’unico uomo armato. Vi dirò perché ci credo, e non è stato a causa del rapporto della Warren Commission Report. E’ stato perché tutto trapela a Hollywood e a Washington. E 43 anni dopo non c’è mai stata una fuga di notizie. Ci sono teorie di cospirazione là fuori. E se ci fosse una cospirazione, ci dovrebbero essere almeno 10, 20 persone coinvolte in quella cospirazione. E non è trapelato nulla, quindi è per questo che credo che Lee Harvey Oswald fosse da solo”. Rimani su scoprire, per trovare, ogni giorno, le notizie curiose dal mondo, qua o su Facebook.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome