La legge Europea sul Copyright è in arrivo, sai?

0
194
Cambiare spesso device fà perdere la memoria

L’Unione europea si sta avvicinando all’emanazione di una vasta legislazione sul diritto d’autore che richiederebbe piattaforme come Google e Facebook di pagare gli editori per il privilegio di mostrare i loro contenuti agli utenti, oltre a monitorare le violazioni del diritto d’autore da parte degli utenti sui siti e servizi che gestiscono.

Questo aprirà un vaso di Pandora che potrebbe far deragliare completamente la vostra esperienza su internet, perché essenzialmente impedirebbe alle piattaforme di visualizzare contenuti provenienti da altre fonti. In uno screenshot condiviso con Search Engine Land, Google ha illustrato come questo potrebbe apparire nei suoi risultati di ricerca per gli articoli di notizie:

Legge sul Copyright di Google

Un esempio di come potrebbero apparire i risultati di ricerca di Google per le notizie se l’UE porta avanti la sua direttiva sul diritto d’autore. Come potete vedere, la pagina sembra vuota, perché è stata spogliata di tutti i contenuti protetti da copyright – titoli, riassunti e immagini di articoli di vari editori. Google quasi certamente non mostrerà risultati inutilizzabili come questi, ma probabilmente conterrà solo i contenuti degli editori con cui è in contatto.

Questo ridurrebbe il numero di fonti di informazioni che sarete in grado di scoprire attraverso il motore di ricerca, e probabilmente porterà a un calo del traffico per i media. Si tratta di una situazione in perdita, ed è sconcertante che i legislatori europei non lo vedano come un problema – forse perché sono fissati su come questa “soluzione” potrebbe teoricamente avvantaggiare i creatori di contenuti e i titolari dei diritti d’autore, stabilendo che devono essere pagati per la loro produzione.

Non è ancora chiaro quando la nuova direttiva sul copyright entrerà in gioco – ci sono numerosi processi che potrebbero durare fino al 2021 prima che venga implementata nelle leggi nazionali dei paesi dell’UE. Speriamo che i legislatori del sindacato vedano il senso ben prima e pongano fine a questa follia. Rimanete su Scoprire per trovare le ultime notizie ogni giorno, direttamente sulla nostra piattaforma.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome