I passeggeri con allergia alle noccioline potranno imbarcarsi prima sui voli

0
1059
Il mondo entra in una nuova era: inventano le sottilette di cioccolato

Quale è uno dei classici antipasti sugli aerei? Infatti, le noccioline, anche se in realtà dovremmo parlare in passato. In primo luogo, perché gli snack gratuiti sono da tempo scomparsi dalla maggior parte delle compagnie aeree. In secondo luogo, alcune compagnie aeree – almeno negli Stati Uniti – hanno rimosso dal loro menu uno degli allergeni più pericolosi per i soggetti allergici a arachidi e noci.

Tuttavia, è quasi impossibile sapere se i passeggeri trasportano o consumano arachidi o altre noccioline durante il volo, per cui alcune compagnie propongono che i passeggeri con alegia grave possano imbarcarsi prima sui voli per pulire i tavoli e le aree di viaggio ed evitare ogni possibile contaminazione. Qualcosa che le compagnie aeree come Delta e Southwest stanno implementando da tempo e che American Airlines implementerà presto. I passeggeri devono solo identificarsi al gate d’imbarco come allergici per potersi imbarcare prima.

Un protocollo che, ovviamente, potrebbe essere utilizzato da alcuni passeggeri per salire a bordo prima, fingendo di soffrire di alcune di queste allergie. Questo può sembrare molto sconsiderato, ma considerando la battaglia che di solito si organizza per salire sull’aereo non è difficile da immaginare. Tuttavia, American Airlines sembra piuttosto ottimista e si affida al buon senso dei passeggeri per non simulare un’allergia potenzialmente letale solo per poter sedersi prima sull’aereo.

Potranno imbarcarsi prima sui voli American Airlines

Una misura che risponde ad alcune associazioni di soggetti allergici che da tempo chiedono di essere inclusi nei gruppi di imbarco prioritario, insieme a famiglie con bambini o persone con problemi di mobilità.

Comunque, è una misura che non sembra aver raggiunto la maggior parte delle aziende che operano in Italia, dove è quasi impossibile trovare dati sul protocollo per le persone con questo tipo di allergia. Le indicazioni più simili sono quelle di EasyJet che, pur non facilitando l’imbarco prioritario, garantisce di poter sospendere la vendita di arachidi su richiesta di un passeggero e avvisare gli altri clienti di non consumare noci durante il volo.

In ogni caso, l’unica raccomandazione condivisa dalla maggior parte delle compagnie aeree è che il passeggero con questo tipo di condizioni dovrebbe tenere a portata di mano i farmaci per curare una possibile reazione allergica o shock anafilattico durante il volo. Rimani su Scoprire per trovare le notizie curiose dal mondo, in anteprima e ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome