Alien Blackout mostra che fan e creatori vedono i telefoni in modo diverso

0
679
Il mistero dei vampiri, mistero o realtà nascosta

I fan e i creatori di giochi si scontrano per un gioco per cellulari appena rivelato, Alien Blackout. Una continuazione della serie Alien, ripresa così spettacolarmente con Alien Isolation del 2014. Due atteggiamenti molto diversi verso il mobile gaming stanno iniziando a incontrarsi – uno che si concentra sul potenziale del genere, e l’altro che lo vede come il dominio del guadagno a basso sforzo.

A prima vista, non sembra una cosa così importante. Mentre i giochi per cellulari non sono necessariamente lunghi o dettagliati come quelli per console o per PC, sono un genere rispettabile a tutti gli effetti e ora ci sono diversi giochi eccellenti sui telefoni. Non è più solo il dominio di Candy Crush. Ma i giocatori stanno spingendo indietro, mostrando il divario che ancora esiste tra i mercati dei giochi per console e mobile.

Come siamo arrivati qui?

Prima che Alien Blackout fosse rivelato, un altro gioco per cellulari stava attirando un gioco simile, o, oserei dire, ancora di più, dai fan: Diablo Immortal. Dopo aver avuto una nuova entrata nel franchise di Diablo preso in giro per un po’ di tempo, i fan non erano contenti di vedere un gioco per cellulare. Gli sviluppatori di Immortal sembravano essere totalmente sbagliati dalla reazione. Durante uno sviluppatore Q&A a Blizzcon, dopo che era stato rivelato ufficialmente, un fan si alzò in piedi e chiese, a bruciapelo, se questo fosse uno scherzo del 1 di Aprile. Non lo era. Più tardi i dirigenti di Blizzard cercarono di rassicurare i fan che un “vero” gioco di Diablo era in fase di sviluppo, ma Immortal divenne ancora qualcosa come uno scherzo.

Allo stesso modo, la reazione ad Alien Blackout è stata perplessa. Sembra essere il seguito di Isolation, dato che è la protagonista di quel gioco, Amanda Ripley. L’editore D3 Go! da allora ha detto che ci sono altri giochi Alien in lavorazione, tra cui uno “sparatutto online massivamente multiplayer”. Tuttavia, l’editore (altro) FoxNext ha detto a Variety che un sequel più tradizionale di Isolation – un ipotetico “Alien Isolation 2” – non è in sviluppo.

Il motivo principale per cui i giocatori non sono contenti quando un amato franchise va in mobile scende di due cose. La prima è probabilmente ciò per cui i giochi per cellulare sono probabilmente più conosciuti: le microtransazioni. I giochi per cellulari spesso tendono ad incontrare le microtransazioni come scuse per succhiare i soldi dei giocatori attraverso bottini o costose scorciatoie – tali pratiche hanno rovinato un gioco della portata di Harry Potter: Hogwarts Mystery, per quanto mi riguarda.

Questo non sembra essere il caso di Blackout. TQ Jefferson, VP di sviluppo esterno di FoxNext, ha detto che nell’intervista Variety di cui sopra ha ritenuto che il confronto con Immortal fosse un’esagerazione: “Il gioco ‘Diablo’ era incentrato sul free-to-play e mobile, il nostro gioco è un gioco mobile premium dove si paga un prezzo e il gioco è fatto. È un’esperienza contenuta”. Ma questa non è l’unica obiezione.

Il secondo motivo per cui i giocatori si arrabbiano è che i giochi per cellulari sono, per necessità, giochi completamente diversi da quelli offerti per PC o console. Così, quando i giocatori sentono “mobile Alien”, quello che interpretano (spesso con precisione) è “un gioco Alien molto diverso da quello che conoscete e che avreste potuto sperare”. Rimani su Scoprire, per trovare, ogni giorno, le notizie curiose del mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome