A Tokyo è possibile affittare una limousine in Bitcoin

0
116
Inghilterra: qui stanno già per vietare le bevande energetiche per i minori

Tokyo ha fatto un altro passo avanti verso l’adozione di massa dei bitcoin, e darà agli utenti “high-roller” un altro modo di spendere il loro denaro. La società Hinomaru Limousine sostiene che darà ai passeggeri l’opportunità di pagare il loro viaggio – tra la capitale giapponese e i due principali aeroporti della città – in valuta digitale, riferisce Bloomberg.

Hinomaru Limousine sta lavorando con Remixpoint per implementare l’infrastruttura necessaria. Il Remixpoint gestisce BITPoint, un sistema di scambio di valuta criptata giapponese con licenza. Ha senso – più valuta criptata viene spesa, più persone devono comprare dagli eschange. Una buona cosa per Remixpoint. Il lancio inizierà con una prova alla fine di questo mese. Comincerà a coprire le corse tra i 23 distretti di Tokyo e gli aeroporti Haneda o Narita, secondo fonti senza nome vicine alla questione. Hanno anche detto a Bloomberg che i pagamenti saranno accettati in Bitcoin, Bitcoin Cash, ed Ethereum.

Hinomaru gestisce oltre 360 limousine e più di 160 taxi in Giappone. Se il lancio della limousine avrà successo, è del tutto possibile che l’azienda inizierà ad accettare pagamenti in valuta criptata anche nei suoi taxi.

Un annuncio ufficiale da Hinomaru è previsto per martedì

Il Giappone ha spostato la sua adozione della moneta criptata in avanti molto lentamente, ma costantemente. Recentemente il governo ha concesso all’industria della moneta criptata lo status di autoregolamentazione, permettendogli di prendere il controllo di decisioni importanti.

Cosa riserva il futuro?

Da sempre il Giappone è un terreno neutrale e uno dei “giocatori” più tradizionali nel settore dei Bitcoin. Ci stranisce vederli pioneri nel prendere queste decisioni e decidere di mettere in campo soluzioni di acquisto di questa portata. Dopotutto, il Giappone, è anche celebre per la sua adozione di massa della tecnologia; molti patiti nel ramo tecnologico, infatti, pensano che il Giappone sia la patria di queste tecnologie e uno dei migliori posti per sperimentare ogni nuova risorsa tecnologica.

Tuttavia, non è ancora chiaro le limitazioni che, la regolamentazione sulle criptovalute, apporterà per le ICO e le monete stabili. Molti pensano che questo è solo l’inizio di un lungo processo che porterà il Giappone a capo di questa evoluzione digitale, altri, invece, pensano che è solo un buco nell’acqua e questa legislatura, proprio come la società che affitta Limousine, faranno solo un buco nell’acqua. Non ci resta che aspettare e vedere quello che succederà. Non perderti le notizie curiose dal mondo su Scoprire, la tua guida alle curiosità online.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome