A che velocità si espande l’universo?

0
386
Esiste un protocollo segreto per la morte della regina Elisabetta

Copernico fu il primo a bandire l’idea che noi siamo il ‘centro’ dell’universo presentando la sua teoria eliocentrica. E, nel corso dei secoli, la scienza ha dimostrato che l’idea del ‘centro’ dell’universo appare come un costrutto umano e non avviene nel cosmo. Ma ciò di cui gli scienziati sono certi è che le galassie si stanno allontanando l’una dall’altra, cioè che l’universo si sta espandendo.

E se è in espansione, da dove le galassie hanno cominciato a spostarsi? Qual è stato il punto di partenza per la gigantesca esplosione cosmica del Big Bang, che ha dato origine a tutta la materia e l’energia? Pensare a questo è, per gli scienziati, inutile, poiché l’universo potrebbe essere infinito. È come immaginare un palloncino che si gonfia, con molti punti della sua superficie che si allontanano sempre più l’uno dall’altro: non c’è un unico luogo da cui l’universo si espande, ma tutte le galassie si allontanano da tutte le altre.

Ora, se le galassie si allontanano l’una dall’altra, quanto velocemente lo fanno? Uno studio pubblicato sull’Astrophysical Journal ha concluso che la velocità di espansione dell’universo può essere diversa a seconda di quanto si guarda indietro nel tempo. Un’idea che potrebbe suggerire che sono necessari nuovi modelli fisici per analizzare questo complesso concetto del cosmo.

La velocità di espansione dell’universo può essere diversa a seconda di quanto si guarda indietro nel tempo

Che idea hanno gli scienziati della velocità con cui l’universo si espande? Ci sono due misure, ed entrambe sono considerate abbastanza accurate. Ma quando i dati vengono confrontati, c’è una lacuna importante che gli scienziati non possono colmare. Pertanto, le conclusioni della nuova ricerca possono fornire nuovi indizi su come dovremmo eseguire queste misure, o addirittura comportare la creazione di modelli cosmologici completamente rinnovati, come ad esempio una ‘nuova fisica’.

La legge di Hubble è l’osservazione che le galassie più lontane si allontanano più velocemente. Ciò significa che le galassie più vicine tra loro si allontanano ad un ritmo relativamente lento in confronto. Il rapporto tra la velocità e la distanza di una galassia è stabilito dalla Costante Hubble, che è di circa 80 chilometri al secondo per Mega Parsec (un’unità di lunghezza in astronomia; 1 megaparsec (Mpc) equivale a circa 3,26 milioni di anni luce).

Questo ritmo di espansione dell’universo, con le galassie vicine che si allontanano più lentamente delle galassie lontane, è ciò che ci si aspetta per un cosmo che si espande uniformemente con l’energia oscura (una forza invisibile che fa accelerare l’espansione dell’universo) e la materia oscura (una forma di materia sconosciuta e invisibile che è cinque volte più comune della materia normale).

Ma la Hubble Constant è stata messa in discussione nel corso dei decenni: la sua precisione è ancora oggetto di dibattito; e la volontà di raggiungere la massima precisione in essa è ciò che ha portato alla scoperta dell’energia oscura (e in seguito ha ispirato la costruzione del telescopio Hubble). Rimani su Scoprire, per trovare, ogni giorno, le notizie curiose sul mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome